Eventi a tema

Ott

SERATA ZUCCA

SERATA ZUCCA – 30 ottobre 2014
Prezzo del menu: 48,00 euro a persona

Clicca qui per prenotare il tuo tavolo direttamente online

Stuzzichino:

Caviale di zucca su patata e gocce al balsamico

***

Baccalà mantecato con cous cous al nero,
brodo di zucca e chips di pancetta

***

Maccheroni di zucca con salsiccia croccante su crema
di scoppolato di Pedona e polvere di porcini

***

Trancio d’ombrina lardellato con cozze su passata di zucca
affumicata e riso venere

***

Crostatina alla zucca con marmellata alle castagne, gelato
all’amaretto di Saronno e scaglie di cioccolato

***

Biscottini della casa

***

caffe’

 

LA ZUCCA

 

L’origine della zucca è controversa e un po’ incerta. Pensate che quest’ortaggio era conosciuto e coltivato, in varietà diverse, dai popoli più antichi, tra cui gli Egizi, i Romani, gli Arabi e i Greci; questi popoli la importarono con molta probabilità dall’Asia Meridionale, più precisamente dall’India. La sua coltivazione non era solo scopo alimentare, pensate che gli antichi Romani una volta svuotata la polpa e fatta essiccare la zucca la utilizzavano come contenitore per il sale, latte o cereali o addirittura né ricavavano piatti, ciotole, cucchiai e i più fantasiosi né ricavarono persino uno strumento musicale, le maracas sudamericane.
La zucca fu conosciuta dagli europei solo dopo la conquista delle Americhe quando Cristoforo Colombo portò in Italia diverse varietà di zucca; né arrivano varietà più disparate e di tutti i tipi: bislunga o rotonda, grande o piccola, verde, gialla, striata, rossa. Tuttavia non godette affatto di ottimo prestigio e venne comunemente ritenuto un cibo della bassa plebe.
La zucca inizialmente fu usata per sfamare il popolo contadino che col passare del tempo né ricavò sapientemente ricette prelibate. Le lunghe carestie fecero cadere i pregidizi sulle zucche e iniziarono a essere apprezzate anche dalle classi sociali più abbienti. Anche se inizialmente di quest’ortaggio colpì la sua stranezza, finalmente aveva attirato l’attenzione del palato. Ci si accorse, infatti, che la sua polpa, diventava ottima se preparata con condimenti e aromi giusti.